Sito in costruzione apertura tra pochi mesi ...

Albi.jpeg


SERVIZI

Insieme a
Office de Tourisme noir plat.jpg
 

Albi

Musei e monumenti

 

Cattedrale di Sainte-Cécile .

Gioiello della nostra città, veglia sul centro storico della città.

Visibile da ogni lato quando si arriva ad Albi, si impone per la sua altezza e la sua bellezza.

Cattedrale di Sainte-Cécile.

5 Boulevard General Sibille, 

81000 Albi

Sito web

Cathédrale Ste Cécile Albi.jpeg
Palais de la Berbie.JPG

Il Museo di Tolosa-Lautrec

Il museo Toulouse-Lautrec è presentato in una delle più belle ambientazioni di Albi. Il Palazzo Berbie è uno dei due maggiori monumenti della Città Vescovile classificati come Patrimonio dell'Umanità. Il museo è un luogo di riferimento internazionale per l'opera dell'artista albico.

 

Museo Tolosa-Lautrec

Palazzo Berbi

Piazza Santa Cecilia

81000 Albi

05 63 49 48 70

Sito web

Cette année marque le centenaire de la donation Toulouse-Lautrec au musée d’Albi.

ALBI FETE TOULOUSE LAUTREC.png
Guide Découverte Albi / Vallée du Tarn.png

 

Guide Découverte, Albi /Vallée du Tarn

Ce Guide découverte est le fruit de la collaboration entre le Comité Départemental du Tourisme et les Offices de Tourisme du Tarn.

 

60 pages de bons plans, patrimoine, balades, randonnées, une sélection de bonnes adresses…le parfait guide pour un séjour réussi !

Scannez les QR code pour les versions :

QR code francais.png

Française

QR code English.png

English

Il Museo Laperuse

Spingi la porta del museo dedicato al favoloso viaggio intorno al mondo del navigatore albigese Lapérouse. Quando visiti Albi, prendi il Pont-Vieux che attraversa il Tarn per raggiungere la piazza della Botany Bay. È dalla terrazza che godrete di uno dei panorami più belli della città episcopale: il fiume, le chiatte sul Tarn, i tetti di Vieil Alby...

Museo Laperuse

Via Porta 41

Baia quadrata della botanica

81000 Albi

05 63 49 15 55

Sito web

Musee Laperouse.jpg
Le LAIT Albi.png

Il LATTE - Centro d'arte contemporanea

Il Centre d'Art le LAIT promuove l'arte contemporanea da oltre 35 anni. È un luogo dedicato alla creazione più attuale: mostre, laboratori di pratica artistica, conferenze, edizioni, simposi, residenze d'artista. È un luogo vivo e accogliente, il cui ingresso è gratuito, aperto e accessibile a tutti.

 

Centro d'arte del latte

28 rue Rochegude

81000 Albi

09 63 03 98 84

Sito web

Il Museo della Moda

Una delle identità forti del Museo della Moda è quella di presentare ogni due anni una mostra totalmente nuova, sempre incentrata su un tema diverso. Ogni pezzo esposto ritorna poi nella sua riserva. Questo museo presenta abiti e accessori tutti della collezione privata di Dominique Miraille, dalla fine del XVII secolo agli anni 2000.

Museo della Moda

17 rue de la Souque

81000 Albi

05 63 43 15 90

Sito web

Musee de la mode Albi.png
La Maison du Vieil Alby.jpg

La casa del Vecchio Alby

La Maison du Vieil Alby è l'anima della Città Vescovile, uno dei maggiori simboli del centro storico di Albi. L'associazione "Albi Patrimoine" ne cura il futuro conservando la memoria di questo luogo emblematico.

 

Vecchia casa di Alby

1 rue de la Croix Blanche

81000 Albi

05 63 54 96 38

Sito web

Il museo per tutti Raphaël Cordoba...

Il pittore albigese Raphaël CORDOBA ha dedicato 25 anni della sua vita a rendere omaggio ai più grandi pittori della storia dal XIV al XX secolo. 65 dipinti sono esposti nella torre rotonda dell'Hôtel de Saunal, un albergo mercantile rinascimentale situato a due passi dalla cattedrale di Sainte-Cécile e dal chiostro della collegiata di Saint-Salvi.

Il Museo per Tutti di Raphaël Cordoba

38 rue de l'Hotel de Ville

81000 Albi

07 81 07 67 53

Musee pour Tous Raphael Cordoba.png

Saint-Juery

Le musée du Saut du Tarn.JPG

Il Museo Saut du Tarn

Il museo Saut du Tarn si trova nell'ex fabbrica metallurgica di Saint-Juéry, a pochi chilometri a monte di Albi, in un sito naturale. Ti tufferai nel turismo industriale, nella storia di questi uomini.

Museo Saut du Tarn

2 Impasse delle acciaierie

81160 San Giuria

05 63 45 91 01

Ste Web  

Albi

Scoperta

 
Tacot Cathare.png
Le Tacot Cathares.png

IL TACOT CATARA

Marc Fanal

81000 Albi

06 70 53 49 59

Sito web

IL TACOT CATARA

Se vuoi visitare Albi e i suoi dintorni in modo originale e amichevole, il Tacot Cathare fa per te! Parti in 2CV con guida turistica alla scoperta del nostro territorio e della sua storia per un'esperienza indimenticabile! Le Tacot Cathare è stato creato nel 2020 da Marc Fanals, una guida turistica che ama la sua regione e il suo vintage. L'idea è quella di unire queste due passioni offrendo ai visitatori un momento indimenticabile alla scoperta di Albi e dei suoi dintorni a bordo di un veicolo unico: la 2CV.

Le visite possono essere effettuate dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 20:00, per le notti dalle 21:00 alle 23:00.

favicon-tacot-cathare-visite-guidee-tarn

CROCIERE ALBI

È nel cuore di questa città che navigherai sulla chiatta, da dove avrai le viste più belle della città di Albi. La partenza è sotto la cattedrale, accanto ai resti del vecchio porto dove un tempo erano ormeggiate le chiatte per il trasporto di merci.

Tutte le crociere sono commentate.

Sono quindi disponibili diverse scelte. Una delle formule è necessariamente adatta a te.

Aperto da maggio a ottobre. Partenza minimo 10 persone. Aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 18:30 Punto di partenza: Berges du Tarn, sotto la cattedrale. Gratis fino a 3 anni.

Crociere Albi: 

Porto di Aiguelèze 81600 Fiumi

05 63 43 59 63

E-mail: safaraid@wanadoo.fr

Sito web

Albi Croisière sur le Tarn.jpg
Petit Train Touristique d'Albi.jpg

PICCOLO TRENO TURISTICO

Funziona da marzo a dicembre e durante le vacanze scolastiche. Alta stagione: aperto tutti i giorni e festivi dalle 10:00 alle 19:00. Metà febbraio, marzo, ottobre: dal martedì alla domenica 11:00, 14:00, 15:00, 16:00 Aprile tutti i giorni 10:30, 11:30, 14, 15, 16 Maggio, giugno, settembre tutti i giorni 10:30, 11:30, 14, 15, 16, 17 (18 a giugno). novembre e dicembre Da mercoledì a domenica 11:00, 14:00, 15:00. 

 

Partenza soggetta al numero di passeggeri. animali accettati 3 €. Prenotazioni di gruppo presso l'ufficio turistico di Albi:

05 63 49 48 76.

Place de la Pile 

81000 Albi 

Nella regione

 

Bastide e villaggi

Oltre alla visita di Albi, potrai anche esplorare la nostra bellissima città e scoprire i graziosi paesini pittoreschi e le bastide del Tarn:

Borghi fortificati del XIII secolo.

Prendete in prestito dal Comitato Dipartimentale del Tarn la mappa sottostante propone due circuiti per scoprire la regione:

- Il circuito delle Bastide Albigesi

- Il circuito dei vigneti di Gallaicois  

Panneau Circuit Randonnees Bastides.png
Circuit Randonnees Bastides.png

STRINGE SUL CIELO:

Cordes sur Ciel.png

Ci vorrà mezz'ora dal piano terra per raggiungere questa imperdibile città medievale: Cordes-sur-Ciel

Sali a piedi per attaccare Cordes o per le sue strade acciottolate. Sarete nell'atmosfera medievale di questa città arroccata.

Cordes sur Ciel è stato votato il villaggio preferito della Francia nel 2014. 

CASTELNAU DI MONTMIRAL

 

Classificato tra i "borghi più belli di Francia", questo bastide del Tarn ha una magnifica piazza con portici.

Apprezzerete senza dubbio le facciate tipiche di questo antico posto di vedetta che rendeva inespugnabile la fortezza di Castenau de Montmiral.

 

Intorno a Castelnau de Montmiral, numerosi sentieri escursionistici ti permetteranno di entrare nella foresta di Grésigne, il più grande querceto del sud della Francia.

Castelnau de Montmirail.JPG
Puycelsi.JPG

PUYCELSI

A pochi chilometri da Castelnau de Montmiral, Puycelsi è anche uno dei "borghi più belli di Francia" costruito su un'enorme roccia a strapiombo sul Vère che scorre sottostante.

Le due torri, nei bastioni della città, aprivano le loro porte fortificate sul borgo che ospitava il castello dei Governatori, la cappella di San Rocco, le residenze del XVI secolo, la chiesa romanica...

 

Il panorama da Puycelsi è magnifico. Scoprire !

BRUNIQUEL

A 14 chilometri da Puycelsi, siamo già nel Tarn et Garonne e vi accoglie Bruniquel, uno dei "borghi più belli di Francia". Bruniquel si trova al confine tra Quercy e Rouergue, alla fine delle Gorges de l'Aveyron. Questa città guarda dall'alto dei suoi castelli, le valli dell'Aveyron e della Vère.

Bruniquel.jpg
Penne.jpeg
Penne.JPG

PENNA

Ritorna al Tarn, ora sei a Penne. Entrare nel villaggio e salire verso il castello che domina le gole dell'Aveyron.

Il castello di Penne viene restaurato con tecniche medievali, le maestranze arrivano addirittura a vestirsi secondo “la moda” del tempo.

MONESTE

Sulla via del ritorno ad Albi, suggeriamo ancora una sosta in uno dei “borghi più belli di Francia”, Monestiés.

L'insieme statuario della cappella di Saint-Jacques che rappresenta la passione di Cristo è classificato come Monumento Storico. Le 20 statue ti stupiranno per la loro grandezza naturale e il loro innovativo realismo per l'epoca (1490).

Monestiès.JPG
Lautrec.JPG

LAUTREC

Tutto sud, direzione Lautrec.

 

Come resistere al fascino di questo “paese più bello di Francia” (uno in più!); le sue case a graticcio, i suoi bastioni, la sua piazza centrale e le sue Halles del XV secolo…

Assicurati di salire sul mulino a vento (ancora funzionante) e di ammirare i campi color pastello, la valle dell'Agoût e più a sud la Montagne Noire.

 

Specialità Lautrec: aglio rosa! 

LAVORO

Lavaur.png

Siamo qui nella capitale del Pays de Cocagne!

 

Da non perdere la cattedrale gotica di Saint-Alain e il suo famoso Jacquemart, un automa che scandisce le ore suonando la grande campana della cattedrale.

Attraversa il quartiere medievale, il giardino del vescovado...

Molte altre città e villaggi sono da scoprire nella regione, Gaillac, St Sulpice, Rabastens, Sorèze, Dourgnes, Hautpoul, Castres...

 

Intorno a

Il Tarn

Dirigiti a est ora!

La valle del Tarn

 

Da St Juéry inizia l'alta valle del Tarn. 

Qui ce ne sarà per tutti i gusti: sport acquatici, escursioni sul GR36 o altre "PR", gite in bicicletta o semplicemente per il piacere degli occhi.  

Ambialet

Ambiletto

Il Tarn disegna qui un magnifico meandro che farà da cornice al villaggio di Ambialet

Una magnifica vista sull'istmo e sulla valle ti aspetta mentre sali la via crucis verso il priorato. 

L'istmo più pronunciato in Europa è la particolarità di questo sito!

 

Continua ad attraversare il fiume, ci vorranno 90 km più a est fino a Millau e da lì alle vertiginose Gorges de Tarn.

Le cascate di Arifat

A una trentina di chilometri a sud-est di Albi, gioca ad avventurieri in un sito classificato come "Area naturale sensibile".

Il sentiero delle cascate è lungo poco più di 2 km e ti porterà su una passerella sospesa. Anche se la passeggiata è breve, ha un dislivello ripido, quindi si consiglia l'attrezzatura da trekking.

 

Queste cascate sono discrete e dopo aver attraversato la passerella ti impressioneranno.

Les Cascades d'Arifat Plan.png
Les Cascades d'Arifat denivelé

Distanza: 2,1 km

Tempo: 2 ore

Altitudine massima: 429 m

Altitudine minima: 316 m

Les Cascades d'Arifat.JPG

Ci sono diverse strade per raggiungere la partenza, da Réalmont raggiungiamo Arifat dalla D86 poi la D11 che prendiamo a sinistra dopo Lafenasse.

Parcheggiare nel piccolo parcheggio del castello di Arifat.

La marcatura PR® è gialla

Il viadotto Viaur

A nord di Albi, a cavallo del Tarn e dell'Aveyron, il viadotto Viaur collegava la linea ferroviaria di Castelnaudary a Rodez dal 1902.

La sua costruzione è stata diretta dalla Société de construction des Batignolles con Jean Compagnon che è stato anche direttore dei cantieri del viadotto Garabit e della Torre Eiffel dove aveva precedentemente lavorato.

Il viadotto Viaur è classificato monumento storico dal dicembre 1984.  

116 metri più in basso scorre il Viaur nei pressi del quale è bene rinfrescarsi.

Le viaduc du Viaur.JPG

Il Sidobero

Siamo nel parco naturale regionale dell'Alta Linguadoca, sull'altopiano granitico più grande d'Europa.

È la terra delle rocce rotonde e di altre rocce leggendarie. 

Vedi, tra le altre cose, il Peyro Clabado, una roccia di 800 tonnellate in equilibrio su una più piccola la cui superficie è solo un metro quadrato!

 

Fare il pieno di natura, a piedi, in mountain bike, il Sidobre è magico!  

a Peyro Clabado.JPG

La Montagna Nera

La Capelette Montagne Noire .JPG

Siamo ora nel sud del dipartimento e vicino a Hérault, Aude e Haute-Garonne.

 

I paesaggi sono estremamente vari nella Montagne Noire: boschi di latifoglie sui versanti settentrionali e paesaggi mediterranei non appena siamo sui versanti meridionali.

 

Da vedere alcune curiosità: la passerella del Mazamet, i paesi di Hautpoul, Dourgnes e Sorèze, il Pic de Nore che è il punto più alto della Montagne Noire (1211 m di altitudine) e il suo panorama unico sull'Aude e sui Pirenei.

Terra delle acque bianche, è su questa montagna che Pierre-Paul Riquet ha trovato l'acqua necessaria per costruire il Canal du Midi. 

Da vedere: il canale della montagna, la volta Vauban a Cammazes.

 

La Montagne Noire è un paradiso per gli escursionisti! 

La rigole de la Montagne Les Camazes.JPG

I ristoranti

Alcune sere, è più sicuro  prenotare il tuo ristorante.

Scansionando o facendo clic sul seguente codice QR, un elenco (non esaustivo) di alcuni stabilimenti che abbiamo testato.

 

Molti altri posti magnifici sono da scoprire nella nostra regione, quindi per una sera o una settimana, la nostra pensione Le Rez de Jardin ad Albi sarà il centro di queste bellissime scoperte!

A presto

Anna e Frank